Vivere e lavorare sotto le Due Torri

Settantanove domande per conoscere chi lavora in provincia di Bologna. E’ l’indagine che ha lanciato l’IRES – Istituto Ricerche Economico Sociali della Cgil Emilia Romagna sulle condizioni di lavoro e di vita nella nostra provincia.

Il questionario è anonimo e si può compilare cliccando qui.  

L’indagine non ha un’ottica di genere, come quella del MeDec presentata qualche settimana fa (questo il post scritto per l’occasione), ma alcune domande riguardano i servizi di welfare offerti alle famiglie (ad es. gli asili nido) e la conciliazione dei tempi vita-lavoro.

Che ne dite, diamo una mano?

Quel gran pezzo dell’Emilia

Più numerose, più longeve, più dedite alla famiglia e più istruite, ma lo stipendio è più basso e si fa più fatica ad inserirsi nel mondo del lavoro. E’ la fotografia delle donne che vivono e lavorano in Emilia Romagna così come è stata scattata dal Servizio Controllo strategico e statistica della Regione.

Scrivo ancora della mia Regione (d’adozione), perché in occasione dell’8 marzo è stata presentata “Le donne in Emilia-Romagna“, una ricerca che prende in esame struttura demografica, salute e fecondità, occupazione, redditi e retribuzioni, istruzione, rappresentanza nelle posizioni decisionali.

Riporto i dati del volume in sintesi (come sempre i grassetti sono miei) che riguardano la sfera occupazionale, però se volete saperne di più, leggete qui:

L’occupazione e i redditi

Analizzando i dati sull’occupazione, emerge come in Emilia-Romagna la crescita registrata dal 1999 al 2009 sia da collegare sostanzialmente alla componente femminile: il saldo positivo registrato in quest’intervallo di tempo (213mila unità) è per quasi due terzi (130mila) ascrivibile alle donne. Un dato interessante: nel 2009 (anno della grande crisi), dopo un decennio di crescita costante, l’occupazione femminile ha raggiunto quota 864mila unità (44,2% dell’occupazione complessiva), registrando addirittura un aumento rispetto al 2008 di 4mila unità. Tutto questo in netta controtendenza rispetto alla componente maschile, che ha visto nel 2009 un saldo negativo di 28mila occupati.
Per quanto riguarda le persone in cerca di impiego, coerentemente con il calo occupazionale, si è registrato nel 2009 un aumento nella fascia maschile (48mila persone), ma anche di quella femminile (aumentata ancora di più: 50mila, nonostante l’incremento di occupazione). Emerge così una sorta di antinomia al femminile, dove in tempo di crisi crescono sia le occupate che le disoccupate. Un fatto che potrebbe essere spiegato con la ricerca di entrate aggiuntive per la famiglia da parte delle donne, per far fronte alla contrazione dei redditi maschili. Sulla “tenuta” dell’occupazione femminile può aver influito anche la disponibilità delle donne a cambiare l’orario di lavoro pur di mantenere l’impiego. Una “tenuta”, tuttavia, che si è verificata 2009 e non oltre: il primo trimestre del 2010 ha registrato il punto più basso tanto per l’occupazione maschile (-70mila unità rispetto al 2008) che per quella femminile (-51mila rispetto al 2009).
Rispetto alla situazione nazionale (46,4%) ed europea (media Ue 27 – 58,6%), l’Emilia-Romagna nel 2009 ha raggiunto un tasso di occupazione femminile (61,5%) notevolmente più elevato. Si è ancora lontani, tuttavia, dai livelli di alcuni Paesi del nord, come Danimarca (73,1%), Svezia (70,2%), Regno Unito (65%).

Part-time

In Emilia-Romagna, analogamente a quanto accade in Italia e negli altri paesi europei, l’occupazione part-time presenta una componente di genere molto marcata: è per l’88,9% femminile e il 24,8% delle occupate ha un lavoro a tempo parziale, contro a un 4,3% degli uomini (2009). Se da un lato il ricorso al part-time può essere visto come un’opportunità che favorisce l’entrata e la permanenza nel mercato del lavoro, dall’altro non bisogna trascurare il fatto che questa modalità di lavoro può ripercuotersi negativamente sui percorsi di carriera e sulla possibilità di indipendenza economica.

Retribuzioni

La differenza di genere segna la voce “stipendio”: pur scorporando dai dati l’effetto legato al part-time, le donne percepiscono una retribuzione netta mensile (escluse altre mensilità e voci accessorie non percepite regolarmente) più bassa di quella degli uomini. Complessivamente, le donne hanno uno stipendio medio mensile inferiore di 302 euro rispetto a quello dei colleghi uomini. Un differenza che sale a 509 euro per le dirigenti, a 391 per i quadri, scende a 261 per le impiegate per risalire a 318 per le operaie.

I tempi di lavoro all’interno della famiglia

Nonostante la crescente partecipazione delle donne al mercato del lavoro, rimangono ancora forti divari nella distribuzione dei carichi di lavoro domestico tra donne e uomini. In Emilia-Romagna gli uomini dedicano in media 6 30’ ore settimanali al lavoro domestico contro le 25 delle donne (media nazionale 5 40’ – 27 30’). La conciliazione fra lavoro di cura e lavoro retribuito continua quindi a essere il problema più rilevante per le donne occupate, non soltanto in relazione alla crescita dei figli, ma – data la struttura per età dell’Emilia-Romagna – anche in rapporto all’accudimento degli anziani.